Combattere l’ipertensione con l’aglio

AglioL’aglio (Allium Sativum) è una pianta bulbosa di origini asiatiche, che si trova nel Mediterraneo già all’epoca dell’antico Egitto, dove troviamo testimonianze nei dipinti delle piramidi.

Sembra venisse dato agli schiavi in Egitto per mantenerli in forze, buona salute e resistenti alle fatiche.

Usato in cucina e per condire, per il suo sapore pungente, l’aglio, ha grandi proprietà terapeutiche, riconosciute sia dal buon senso popolare, che dalla medicina.

Esso si coltiva dividendolo in spicchi e piantandoli con la punta rivolta verso l’alto e con lo stesso sistema si propaga in quanto ha sia fiori che semi sterili.

Molto apprezzato in cucina, viene usato in varie salse come il pesto genovese, la bagna caoda, piemontese, la salsa verde, lo tzatziki, ecc. spesso è anche solo usato per insaporire le pietanze, senza essere direttamente consumato.

Dal punto di vista medicinale, si dice l’aglio abbassi la pressione arteriosa, viene quindi suggerito a chi soffre di ipertensione.

È considerato antiossidante per il selenio contenuto; ottimo contro raffreddori, influenze e bronchiti per il suo contenuto di vitamina C; antitumorale, antitrombico, consigliato contro l’ipercolesterolemia, è antibatterico, diuretico, vermifugo, ha effetti benefici sull’osteoartrite.

Un’altra proprietà interessante dell’aglio è quella di proteggere dai metalli pesanti come, ad esempio, piombo, mercurio, cadmio, che inconsapevolmente assumiamo attraverso l’alimentazione, pesce, frutta e ortaggi contaminati o respirando in ambienti inquinati come le nostre metropoli.

I nostri organi filtro come polmoni, reni e fegato soffrono per la presenza di questi metalli nel nostro organismo, ma alcune molecole dell’aglio sanno legarsi alle molecole di questi metalli permettendone una facile espulsione.
Infine non dimentichiamone l’uso contro i vampiri……

L’antica credenza popolare, che riteneva che l’aglio li tenesse lontani, è da attribuirsi al fatto che l’aglio ha proprietà antibatteriche, come si è detto, e i vampiri allora erano considerati come parassiti!

Autrice: Serenella Speziale / Foto di pixabay.com

Annunci

Superbatteri: 10 antibiotici naturali

 

 

Antibiotici naturaliOggi giorno ancora poche persone sono a conoscenza del fatto che l’effetto degli antibiotici e di altri farmaci sta diventando sempre meno efficace.

La colpa può essere attribuita ad una massiccia sovra-prescrizione degli stessi da parte del servizio sanitario, così come dall’elevata somministrazione di antibiotici negli animali da allevamento massivo.

“In laboratorio non è difficile creare microbi resistenti alla penicillina esponendoli a concentrazioni non sufficienti per ucciderli“, ha spiegato Alexander Fleming, creatore della Penicillina, primo antibiotico nel 1945, per il quale ricevette il premio Nobel per la Medicina.

“C’è il pericolo che un uomo con scarsa conoscenza possa sottoporsi ad un dosaggio di farmaco insufficiente esponendo i suoi microbi ad una quantità non letale rendendoli ancora più resistenti.”

I batteri sono stati sempre parte integrante della “vita” sulla Terra fin dagli albori, oggi invece con gli esseri umani in costante esposizione agli antibiotici (che uccidono anche i batteri “buoni”) è iniziata l’ascesa ai cosiddetti super batteri resistenti ad un numero crescente di farmaci.

In natura è possibile trovare alcuni alimenti che uccidono questi super batteri in modo naturale:

01- Miele

In uno studio pubblicato recentemente, i ricercatori dell’Università Salve Regina a Newport, Rode Island, hanno ribadito che il miele grezzo è uno dei migliori antibiotici naturali che si possa avere. L’autore principale Susan M. Meschwitz, Ph.D., ha presentato i risultati alla 247a Assemblea nazionale dell’American Chemical Society. “La proprietà unica del miele risiede nella sua capacità di combattere le infezioni su più livelli, rendendo più difficile ai batteri di sviluppare resistenza”, ha spiegato. Il miele utilizza una combinazione di armi tra cui polifenoli, perossido di idrogeno ed un effetto osmotico. Il miele è praticamente un combattente ambidestro, che utilizza più modalità per uccidere i batteri.

02- Aglio

L’aglio è considerato un rimedio naturale dalle efficaci proprietà curative sin dai secoli passati, con spiccate proprietà antivirali e antibatteriche. E’ ricco di antiossidanti in grado di contribuire alla distruzione dei radicali liberi responsabili del deterioramento dell’organismo, la cui azione può condurre nel corso del tempo a patologie cardiache e cancro. L’aglio contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna, a combattere le infezioni della pelle e a proteggere il cuore.

03- Olio di origano

Questo è un olio essenziale noto per la sua capacità di uccidere i batteri, nonché controllare le infezioni da stafilococco come l’MRSA. È un naturale antiossidante, antisettico, antivirale, antimicotico, antinfiammatorio, antiparassitario ed ha proprietà antidolorifiche. Nel 2001, Science Daily ha riferito in uno studio della Georgetown University, che le proprietà germicide dell’olio di origano sono quasi efficaci come per la maggior parte degli antibiotici .

04- Estratto di foglia di oliva

Questa sostanza è stata utilizzata per molti secoli per combattere le infezioni batteriche e attualmente viene utilizzata anche per combattere le infezioni da MRSA in alcuni ospedali europei. Fornisce supporto al sistema immunitario, mentre lotta contro le infezioni resistenti agli antibiotici.

05- Curcuma

Questa erba è stata usata nella medicina ayurvedica e cinese per migliaia di anni poiché è in grado di trattare una vasta gamma di infezioni. Le qualità antibatteriche e anti-infiammatorie sono note per essere altamente efficaci nel trattamento di infezioni batteriche. Può anche essere utilizzata topicamente per l’MRSA e ulteriori lesioni della pelle.

06- Echinacea

Da secoli questo composto viene usato per trattare l’invecchiamento e un’ampia varietà di infezioni. Era tradizionalmente usato per trattare le ferite aperte, così come la setticemia, la difterite e altre malattie correlate ai batteri. Oggi è usato principalmente per il trattamento di raffreddore e influenza.

07- Zenzero

Lo zenzero rappresenta un vero e proprio toccasana per la salute. Esso può essere consumato fresco, come alimento vero e proprio, oppure sotto forma di spezia e condimento, dopo essere stato essiccato e ridotto in polvere. L’azione benefica dello zenzero prevede il suo impiego nella preparazione di tisane utili per la cura e la prevenzione dell’influenza, per il mal di gola, la tosse e il raffreddore. Lo zenzero è stato inoltre segnalato tra i dieci alimenti dalle maggiori proprietà anti-cancro.

08- Goldenseal

Questa è una delle erbe più popolari vendute sul mercato americano e ha recentemente guadagnato una reputazione di erba potenziatrice del sistema immunitario, nonché come antibiotico. Gli indiani d’America hanno usato goldenseal come un farmaco per le patologie infiammatorie dell’apparato respiratorio, digerente e per l’infiammazione del tratto genito-urinario indotta da allergia o infezione.

09- Estratto di semi di pompelmo

L’estratto di semi di pompelmo viene considerato come un potente antivirale e battericida. Presenta un elevato quantitativo di sostanze in grado di contrastare le malattie, di antiossidanti e di fitonutrienti denominati bioflavonoidi. Tra di essi è presente l’esperdina, capace di stimolare in modo naturale il sistema immunitario. L’estratto di semi di pompelmo contiene inoltre vitamina C, acido citrico, steroli e tracce di sali minerali.

10- Neem

Dalle foglie del Neem, e dai frutti di questa pianta, viene ricavato un potente olio curativo, utilizzato in gran parte dalla medicina tradizionale indiana, sia come uso alimentare che curativo. Ad esso vengono attribuite proprietà antifungine, antibatteriche, antivirali ed antiparassitarie. L’olio di Neem per uso interno deve risultare puro al centro per cento ed essere stato ottenuto appositamente per tale scopo.

 

Fonte: panecirco.com  http://www.ecplanet.com

 

 

L’aglio crudo riduce il rischio di ammalarsi di cancro ai polmoni

AglioUn ottimo alleato del benessere naturale del nostro organismo

Mangiare aglio crudo porta grandi benefici al nostro organismo.

E non si tratta del tipico “rimedio della nonna”, infatti una ricerca condotta dallo Jiangsu Provincial Centre for Disease Control and Prevention ha rilevato che le persone adulte che consumano aglio crudo regolarmente si ammalano meno di cancro ai polmoni. Discorso che vale anche per i fumatori: l’aglio riduce il rischio che si ammalino di questo di tipo di tumore di circa il 30%.

Da sempre all’aglio sono state attribuite qualità terapeutiche: nel corso dei secoli è stato impiegato come rimedio naturale per l’impotenza, il mal di stomaco, i problemi cardiaci e di circolazione.

Mangiare aglio a stomaco vuoto aumenta il suo potere come antibiotico naturale

Diversi studi hanno riscontrato che consumare aglio crudo prima di mangiare o bere qualsiasi cosa incrementa i benefici che questo alimento porta al nostro corpo. Il motivo per cui l’aglio aumenta il suo potere se mangiato a stomaco vuoto è che i batteri sono sovraesposti e non riescono a difendersi.

L’aglio è ricco di vitamine, minerali, sostanze antiossidanti e altri potenti fitochimici. Il nostro corpo riesce a trarre maggiori vantaggi da questi elementi se sono consumati crudi perché mantengono le loro proprietà benefiche.

Effetti collaterali:

Se mangiato crudo, l’aglio potrebbe occasionalmente causare nausea, diarrea e vomito.

Fonte: lafucina.it   www.ecplanet.com