La storia del riscaldamento globale in un video di soli 35 secondi

Il video mostra che le temperature di oltre 100 paesi stanno salendo sempre più in alto a causa del riscaldamento globale

Un nuovo video mostra il ritmo del riscaldamento globale per i paesi di tutto il mondo

Il 7 agosto 2017 Brian Kahn ha pubblicato questo articolo. E passato più di un anno. La situazione del riscaldamento globale è peggiorata e, per il futuro, è in ulteriore peggioramento. Quindi un articolo di 14 mesi fa attualissimo e futuristico che merita leggere con attenzione.

L’anno scorso (2016) si è verificata la spirale(1) della temperatura. Quest’anno, è il cerchio della temperatura a rendere cristallino il trend del riscaldamento globale.

Un nuovo video mostra il ritmo del riscaldamento globale per i paesi di tutto il mondo, dall’Afghanistan allo Zimbabwe. Le barre che rappresentano l’anomalia della temperatura media annuale di ogni paese aumentano e diminuiscono. È come guardare un battito cardiaco su un monitor.

Il video mostra che le temperature di oltre 100 paesi stanno salendo sempre più in alto a causa dell’aumento dell’inquinamento da carbonio.(2) Anche se ci sono alcune variazioni individuali su quanto sia caldo ogni anno, il segnale del cambiamento climatico è inconfondibile.

“Non ci sono singoli paesi che si distinguono chiaramente dal grafico”, ha dichiarato Antti Lipponen,(3) un fisico dell’Istituto meteorologico finlandese che ha realizzato la grafica. “Il riscaldamento è davvero globale, non locale”.

Mentre la spirale della temperatura mostra la temperatura media globale, l’animazione di Antti Lipponen utilizza i dati della NASA per mostrare i singoli paesi separati dalle regioni. Nessun paese è immune dall’aumento delle temperature, per non parlare degli altri impatti dei cambiamenti climatici.

È anche chiaro che il riscaldamento globale sta accelerando. Negli ultimi tre decenni (che iniziano intorno al segno dei 14 secondi nel video), le barre iniziano a spingere sempre più lontano dal centro. Gli anni più freschi del normale iniziano a diventare più rari e negli anni ’90 sono quasi completamente scomparsi.

Gli ultimi tre anni sono stati i più caldi mai registrati.(4) Alcuni paesi erano più di 2°C più caldi della linea di base del 1951-1980 utilizzata nel grafico. Questo li mette ben al di sopra del limite di riscaldamento sancito dall’accordo di Parigi,(5) che serve da avvertimento di quanto velocemente stiamo spingendo verso un nuovo modello climatico alterato.

Il mondo stesso ha toccato 1.5°C sopra i livelli preindustriali per alcuni mesi nel 2016.(6) Se il riscaldamento globale attraverserà permanentemente questa soglia, l’innalzamento dei mari probabilmente farà inghiottire dal basso i piccoli stati insulari, i coralli moriranno e le ondate di calore diventeranno più comuni e intense.

Tuttavia, i numeri da soli sono astratti. Anche tracciati su un grafico a linee, non riescono a trasmettere pienamente la traiettoria su cui ci troviamo. Antti Lipponen ha detto che ha realizzato l’animazione perché voleva creare un modello animato bello, chiaro e soprattutto informativo con lo scopo di trasmettere quell’informazione in un modo che le persone possano capire. Missione compiuta.

Riferimenti:

(1) See Earth’s Temperature Spiral Toward 2°C

(2) Carbon Dioxide Set an All-Time Monthly High

(3) Antti Lipponen

(4) 2016 Officially Declared Hottest Year on Record

(5) Landmark Paris Climate Pact to Take Effect in 30 Days

(6) Flirting with the 1.5°C Threshold

Autore: Edoardo Capuano  http://www.ecplanet.com

Annunci

L’euro è veramente una moneta unica?

L’euro non è una moneta unica in quanto, secondo il Tfue, i diversi Paesi europei possono coniare monete diverse da quelle valide nell’eurozonaL’euro viene definita moneta unica, ma è tale solo in linea teorica perché, a ben guardare, gli Stati dell’UE non hanno perso la loro sovranità monetaria

Dall’anno del suo debutto, il lontano 2002, siamo abituati a considerare l’euro una moneta unica, o almeno così l’hanno definita durante il lungo periodo che ha preceduto la sua introduzione. All’atto pratico, però, l’euro non è affatto una moneta unica in quanto, secondo il Tfue – Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea – i diversi Paesi europei possono coniare monete diverse da quelle valide nell’eurozona; solo le monete da 1, 2, 5, 10, 20, 50 centesimi e 1 e 2 euro sono fissate dalla Bce. Lo dimostra il fatto che il Belgio ha potuto coniare una moneta – seppur commemorativa – da 2,5 euro senza violare alcuna legge.

Perché l’euro non può considerarsi “moneta unica”

L’euro non è una moneta unica: con il termine “euro” si identificano le varie monete nazionali – tutte diverse fra loro – coniate dai Paesi che fanno parte dell’Ue. Queste hanno in comune solo la medesima unità di misura e un rapporto di cambio fisso; ciò significa, ad esempio, che il valore di 1 euro spagnolo è uguale a quello di 1 euro italiano. Tale valore, inoltre, rimane immutato nel tempo.

Oltre al Belgio, anche altre nazioni hanno coniato fin dal 2002 monete commemorative di valori diversi rispetto a quelli fissati dalla Bce.

La Finlandia emette ogni anno monete da 5 euro destinate ai collezionisti; la Slovenia lo fa con monete da 3 euro e il Portogallo con monete di tagli differenti, da 2,5 euro fino a 10 euro. Resta da capire se tali monete hanno corso legale negli Stati in cui vengono coniate e se si possono depositare nelle banche commerciali.

Come i Paesi dell’Unione sfruttano la propria sovranità monetaria

La Banca centrale finlandese ha ammesso non solo che tali monete hanno corso legale all’interno del Paese, ma addirittura che vengono accettate senza problemi dalle banche commerciali. Da questa rivelazione, si può intuire che gli stati dell’Ue dispongono ancora della propria sovranità monetaria, ma quest’ultima viene sfruttata diversamente da un Paese all’altro.

Le banconote come forma di ricatto

La Bce è intenzionata ad eliminare le monete e spingere per l’utilizzo delle banconote. Questo perché poiché queste non vengono stampate dagli Stati nazionali e su di esse ogni Paese paga un interesse per poterne usufruire. Le monete, invece, non richiedono il pagamento di un interesse e hanno un costo di realizzazione quasi nullo.

È grazie alle banconote che l’Ue tiene sotto scacco i propri Paesi membri, soffocando le economie nazionali nell’illusione di imporre dall’alto una moneta unica che, però, di fatto non esiste e che, anzi, sta alla base della crisi economica che stiamo vivendo.

Foto di pixabay.com / Fonte: breaknotizie.com  fonte: http://www.ecplanet.com

La Cina ha progettato la prima nave di ricerca rompighiaccio

La Cina ha progettato la sua prima nave rompighiaccio scientifica equipaggiata con rilevatori oceanografici e di monitoraggio

Con una velocità massima di 27,8 chilometri all’ora il rompighiaccio può affrontare spedizioni di una durata di 60 giorni e ospitare fino a 90 persone tra equipaggio e ricercatori.

La Cina ha presentato la sua prima nave rompighiaccio di ricerca. Secondo quanto divulgato alla stampa locale, il suo costruttore prevede di metterla ufficialmente in servizio nella prima metà del 2019.

Il quotidiano ufficiale China Daily ha divulgato(1) che la cerimonia del varo della nave chiamata “Xuelong 2”, costruita dalla società China State Shipbuilding Corp,(2) si terrà nella città di Shanghai.

Dopo la cerimonia, la nave effettuerà test di ormeggio, verranno installate attrezzature aggiuntive e, se tutto andrà secondo i piani, inizierà a funzionare normalmente nella prima metà del 2019. Questa nave di ricerca permetterà alla Cina un importante ampliamento delle capacità di ricerca scientifica nei poli e un aumento delle spedizioni a scopo di ricerca.

“Xuelong 2”, la cui data di inizio della costruzione risale al mese di dicembre 2016, misura 122,5 metri di lunghezza, 22,3 metri di larghezza e pesa 13.990 tonnellate. Con una velocità massima di 15 nodi (27,8 chilometri all’ora) questo rompighiaccio può navigare in spedizioni che durano fino a 60 giorni e può ospitare, tra membri dell’equipaggio e ricercatori, un massimo di 90 persone.

Il nuovo rompighiaccio cinese sarà equipaggiato con una avanzata impiantistica oceanografica e apparecchiature di monitoraggio, che consentiranno agli esperti di condurre ricerche sulla copertura polare del ghiaccio, sulle condizioni atmosferiche e ambientali e condurre studi sui terreni marini e sulle risorse biologiche.

La Cina dispone di un solo rompighiaccio, lo “Xuelong”: fu costruito in Ucraina nel 1993 e progettato per il trasporto merci. Successivamente fu trasformato in nave da ricerca. lo “Xuelong” ha effettuato decine di spedizioni scientifiche nell’Artico e nell’Antartico.

La nuova nave è progettata per rompere il ghiaccio di uno spessore di 1,5 metri a una velocità da 2 a 3 nodi e può operare a temperature fino a -30 gradi Celsius. Gli scienziati cinesi hanno anche riferito di aver già iniziato a progettare un rompighiaccio di prossima generazione che sarà più avanzato di “Xuelong 2”: riuscirà a rompere il ghiaccio con uno spessore di circa 3 metri e resistere a temperature fino a -45 gradi Celsius.

Riferimenti: http://www.ecplanet.com

(1) First domestically built icebreaker launched in Shanghai

(2) China State Shipbuilding Corp

Foto: China Daily