La Cina ha progettato la prima nave di ricerca rompighiaccio

La Cina ha progettato la sua prima nave rompighiaccio scientifica equipaggiata con rilevatori oceanografici e di monitoraggio

Con una velocità massima di 27,8 chilometri all’ora il rompighiaccio può affrontare spedizioni di una durata di 60 giorni e ospitare fino a 90 persone tra equipaggio e ricercatori.

La Cina ha presentato la sua prima nave rompighiaccio di ricerca. Secondo quanto divulgato alla stampa locale, il suo costruttore prevede di metterla ufficialmente in servizio nella prima metà del 2019.

Il quotidiano ufficiale China Daily ha divulgato(1) che la cerimonia del varo della nave chiamata “Xuelong 2”, costruita dalla società China State Shipbuilding Corp,(2) si terrà nella città di Shanghai.

Dopo la cerimonia, la nave effettuerà test di ormeggio, verranno installate attrezzature aggiuntive e, se tutto andrà secondo i piani, inizierà a funzionare normalmente nella prima metà del 2019. Questa nave di ricerca permetterà alla Cina un importante ampliamento delle capacità di ricerca scientifica nei poli e un aumento delle spedizioni a scopo di ricerca.

“Xuelong 2”, la cui data di inizio della costruzione risale al mese di dicembre 2016, misura 122,5 metri di lunghezza, 22,3 metri di larghezza e pesa 13.990 tonnellate. Con una velocità massima di 15 nodi (27,8 chilometri all’ora) questo rompighiaccio può navigare in spedizioni che durano fino a 60 giorni e può ospitare, tra membri dell’equipaggio e ricercatori, un massimo di 90 persone.

Il nuovo rompighiaccio cinese sarà equipaggiato con una avanzata impiantistica oceanografica e apparecchiature di monitoraggio, che consentiranno agli esperti di condurre ricerche sulla copertura polare del ghiaccio, sulle condizioni atmosferiche e ambientali e condurre studi sui terreni marini e sulle risorse biologiche.

La Cina dispone di un solo rompighiaccio, lo “Xuelong”: fu costruito in Ucraina nel 1993 e progettato per il trasporto merci. Successivamente fu trasformato in nave da ricerca. lo “Xuelong” ha effettuato decine di spedizioni scientifiche nell’Artico e nell’Antartico.

La nuova nave è progettata per rompere il ghiaccio di uno spessore di 1,5 metri a una velocità da 2 a 3 nodi e può operare a temperature fino a -30 gradi Celsius. Gli scienziati cinesi hanno anche riferito di aver già iniziato a progettare un rompighiaccio di prossima generazione che sarà più avanzato di “Xuelong 2”: riuscirà a rompere il ghiaccio con uno spessore di circa 3 metri e resistere a temperature fino a -45 gradi Celsius.

Riferimenti: http://www.ecplanet.com

(1) First domestically built icebreaker launched in Shanghai

(2) China State Shipbuilding Corp

Foto: China Daily

Annunci

Allontanarsi dalla natura favorisce le malattie

Nell’arco di solo un paio di generazioni abbiamo sviluppato tecnologie e sostanze chimiche sintetiche che ci hanno permesso di isolarci dalla natura

Noi tutti soffriamo di quella che Richard Louv, autore di “L’ultimo bambino nei boschi” (Rizzoli, 2006) ha denominato “disturbo da deficit di natura”. Due o tre generazioni fa si viveva molto più a contatto con la natura.

Le nostre radici agricole furono precedute da millenni di caccia, raccolta, allevamento e pesca. Tutte queste attività richiedevano una connessione innata con l’ambiente naturale. Dovevamo saper decifrare i canti degli uccelli, interpretare le nuvole, conoscere la direzione del vento, seguire le correnti, riconoscere gli insetti nocivi e curare una mucca malata. La nostra stessa sopravvivenza era legata a quelle forme di sapere e i nostri antenati hanno risalito la catena alimentare padroneggiando quelle preziose abilità.

Provavano un rispetto sacro e profondo per la natura, perché comprendevano il legame di nutrimento vitale che essa offriva… La nostra memoria genetica e la nostra linea di ascendenza ci vedevano vicini alle erbe, agli alberi, al suolo e agli elementi. Ricevere una quantità sufficiente di pioggia era una questione di vita o di morte. Si conservava l’acqua perché qualcuno, quella mattina presto, aveva dovuto fare 3 chilometri a piedi per procurarla.

Quando si trovava del cibo, ci si rallegrava e si rendeva grazie: se cadeva a terra, si soffiava via la polvere e lo si mangiava. Non c’erano margini di spreco. Gli scarti finivano nel concime e le ossa andavano ai cani che proteggevano il nostro territorio e ci aiutavano nella caccia; perfino esse avevano uno scopo e un senso.

Oggi molti di noi vivono in aree in cui la terra è ricoperta di asfalto e il nostro unico e vero modo di entrare in contatto con essa è offerto da quegli “zoo della natura” che chiamiamo parchi. Dai parchi locali alle foreste nazionali, abbiamo imprigionato Madre Terra nel tentativo di preservarla e proteggerla da noi. Noi violiamo, distruggiamo, inquiniamo. Siamo arrivati a identificarci in “quell’animale che cammina attraverso il Giardino e lo distrugge”.

Nell’arco di solo un paio di generazioni abbiamo sviluppato tecnologie e sostanze chimiche sintetiche che ci hanno permesso di isolarci dal mondo naturale e di scollegarci da questo legame vitale. Eliminiamo i germi con gli antibiotici; abbiamo l’aria condizionata nelle nostre auto veloci; bruciamo il combustibile naturale che proviene da terre lontane anziché tagliare la legna per tenere calde le nostre case, e il nostro cibo è pensato nei laboratori e prodotto nelle fabbriche.

Un tempo mangiavamo le piante. Oggi mangiamo schifezze prodotte negli impianti industriali. Tutto questo ha un prezzo sia fisico sia psicologico per noi. Ora ci sono tizi come Ethan che se ne vanno in giro per le grandi città bevendo bibite strane che li rendono più assetati e mangiando barrette avvolte nella plastica. Si combattono guerre per assicurarsi il petrolio che permette di costruire quella plastica, e si combatte il cancro che proviene dal mangiare il cibo finto che viene venduto dentro quella plastica.

Poi ci si lamenta di essere stanchi, grassi, malati e depressi e ci si chiede quale medico o guru detenga il segreto per sbloccare i nostri problemi, mentre non dovremmo far altro che guardare al passato. Abbiamo dimenticato da dove veniamo.

Abbiamo perso la connessione con la fonte di tutta la vita e con il nutrimento che ne traiamo, e questo sta creando un vuoto nella nostra capacità di guarire noi stessi e di connetterci con la vita che ci circonda. Perdere il contatto tra il nostro corpo e il cibo che mangiamo ha rappresentato un potente cuneo che ha frantumato l’umanità in una massa di fantasmi affamati che incespicano alla ricerca di automobili, borsette, diete, pillole o di un partner per sentirsi felici e integri nella vita.

Riferimenti:

(1) Il Monaco Urbano

Foto di pixabay.com / (Pedram Shojai, “Che cos’è il disturbo da deficit di natura?”, dal blog “La Crepa nel Muro” del 22 dicembre 2017; estratto da “Il Monaco Urbano”, saggio che Shojai ha scritto per Macro Edizioni – 355 pagine, 14 euro).(1) / Fonte: libreidee.org

fonte: http://www.ecplanet.com

I robot per la sorveglianza della Boston Dynamics sono pronti per essere commercializzati nel 2019

Robot SpotMini e il robot AtlasUna società di robotica, nota per i suoi video di agili robot che aprono porte o camminano su superfici irregolari, si prepara a venderne alcuni dopo più di un quarto di secolo di ricerche.

Si tratta della Boston Dynamics.(1) Marc Raibert,(2) il CEO dell’azienda, ha confermato alla stampa che l’anno prossimo la società inizierà a vendere il robot SpotMini(3) equipaggiato di telecamere installate nella parte anteriore, laterale e posteriore. È facile intuire che le aziende lo acquisteranno per la sorveglianza degli ambienti.

Marc Raibert ritiene possibile che più aziende svilupperanno altre applicazioni per il robot a quattro zampe perché ha una piattaforma piatta che facilita l’installazione di altre apparecchiature con la propria programmazione.

Nel catalogo della Boston Dynamics ci sono 10 SpotMini e l’azienda prevede di costruirne altri 100 da testare entro quest’anno prima di iniziare la produzione su larga scala a metà del 2019, ha detto Raibert. Nessun prezzo è stato ancora fissato per il robot. Tuttavia, il costo del prototipo più recente è inferiore di circa un decimo rispetto al prezzo delle versioni precedenti.

Marc Raibert ha annunciato queste sue strategie aziendali al campus dell’Università della California di Berkeley(4) nel corso della conferenza sulla robotica di TechCrunch(5) che si concentra sulle innovazioni del settore e le loro prestazioni potenziali in vari rami e lavori svolti attualmente dagli esseri umani.

Fondata nel 1992, la società raramente rivela i suoi piani tranne quando pubblica i suoi video su YouTube che hanno stupito e anche, in qualche occasione, pure terrorizzato il pubblico. La maggior parte della ricerca sulla robotica alla Boston Dynamics era stata applicata al settore militare fino a quando Google ha acquistato la ditta Waltham (Massachusetts) nel 2013 e infine l’ha venduta lo scorso anno al gigante tecnologico giapponese SoftBank.

Sebbene Boston Dynamics non abbia mai lanciato un robot commerciale durante il suo periodo in Google, il direttore Marc Raibert ha detto che è stata la società che ha contribuito a pensare a come portare la sua tecnologia in un mercato più ampio.

Verso la fine della sua presentazione, ha anche mostrato un video di Atlas,(6) un robot a due gambe che ha imparato a ordinare e raccogliere pacchetti, saltare blocchi, fare jogging e saltare all’indietro. Raibert ha indicato che la Boston Dynamics non ha ancora pensato a un modo per trarre profitto da Atlas.

Riferimenti:

(1) Boston Dynamics

(2) Marc Raibert

(3) Robot SpotMini

(4) University of California, Berkeley

(5) Marc Raibert – TechCrunch

(6) Robot Atlas

http://www.ecplanet.com

Foto: Boston Dynamics