Il nuovo sistema missilistico ipersonico russo “AVANGARD”

Il nuovo sistema missilistico ipersonico russo AVANGARDIl Ministero della Difesa russo ha firmato un contratto per la produzione in serie del sistema missilistico ipersonico Avangard, ha dichiarato il vice ministro della Difesa russo Yuri Borisov il 12 marzo in un’intervista al quotidiano del ministero della Difesa Krasnaya Zvezda.

L’agenzia di stampa statale russa TASS ha fornito ulteriori dettagli sul sistema avanzato di armi

Manovra e prova della testata spaziale

Secondo fonti aperte, la testata ipersonica teleguidata (la testa spaziale) del sistema di missili balistici intercontinentali di Avangard ha il nome in codice 15Yu71. È stato sviluppato nell’ambito del lavoro di ricerca e sviluppo “4202” da parte di specialisti della “Military and Industrial Corporation” “associazione di ricerca e produzione di costruzione di macchine” (la città di Reutov) sotto la guida del Chief Designer Pavel Sudyukov. L’Agenzia spaziale federale della Russia ha svolto il ruolo di committente del lavoro di ricerca e sviluppo “4202”.

Rispetto alle testate tradizionali dei missili balistici intercontinentali, che seguono la traiettoria balistica verso i loro obiettivi, la testata manovrabile aliante percorre una parte della sua traiettoria di volo ad un’altitudine di diverse decine di chilometri negli strati densi dell’atmosfera.

Mentre manovra lungo la sua traiettoria di volo e in base alla sua altitudine, la testata dell’aliante è in grado di scavalcare l’area delle capacità di rilevamento e distruzione della difesa missilistica.

Le caratteristiche prestazionali della testata non sono state divulgate ufficialmente. Presumibilmente, il veicolo aliante è lungo circa 5,4 metri e sviluppa una velocità superiore a quella di Mach 20. La testata può essere nucleare (da 150 kilotonnes a 1 megatonne) o convenzionale.

Secondo il comandante strategico della forza missilistica Sergei Karakayev, il corpo del veicolo è realizzato in materiali compositi, che lo rendono resistente al riscaldamento aerodinamico di diverse migliaia di gradi e lo protegge dall’irradiazione laser. Il veicolo è equipaggiato con il sistema di termoregolazione sviluppato dalla Nauka Research and Production Association.

Sperimentazioni

Il 19 febbraio 2004, il primo vice capo dello stato maggiore russo Yuri Baluyevsky ha comunicato ai giornalisti che durante un addestramento gli specialisti “hanno testato un veicolo spaziale capace di volare ad una velocità ipersonica mentre manovrava lungo la sua traiettoria di volo e l’altitudine e, quindi, capace di aggirare i raggruppamenti regionali di difesa missilistica”.

Secondo dati non ufficiali, i test dell ‘“oggetto 4202” si sono svolti dal 2004 negli spazioporti di Baikonur e Yasny, dove il missile RS-18B basato sul missile balistico intercontinentale 15A35 del complesso missilistico strategico UR-100NUTTKh è stato utilizzato come vettore. Secondo le open source, le attrezzature di lancio della struttura sperimentale per il lavoro di ricerca e sviluppo “4202” sono state sviluppate dal Design Bureau of Special Machine-Building (San Pietroburgo) mentre il set di equipaggiamenti per il trasporto e le tecnologie è stato realizzato dal Design Bureau “Motor” ( una filiale del Centro per l’Esercizio delle Infrastrutture Spaziali a Terra).

Media ha riferito nel luglio 2016, citando fonti anonime che avrebbero condotto le prove dell ‘”oggetto 4202″ insieme ai test di sviluppo del volo del futuro missile balistico intercontinentale Sarmat.

Nel suo discorso sullo stato della nazione all’Assemblea federale il 1 ° marzo 2018, il presidente russo Vladimir Putin ha evidenziato il complesso di missili Avangard con la testata di manovra. Come ha osservato il presidente, “il veicolo si avvicina all’obiettivo come una palla di fuoco” mentre “viene guidato in modo affidabile”. Il comandante strategico della forza missilistica Sergei Karakayev ha comunicato più tardi, il 1 marzo, che le prove del complesso missilistico Avangard sono state completate con successo.

Secondo il vice Ministro della Difesa russo Yuri Borisov, il sistema Avangard era “ben collaudato”, anche se ci sono voluti grandi sforzi per svilupparlo. Secondo il funzionario della difesa, il problema di guidare il veicolo e le questioni relative alla sua protezione erano piuttosto difficili, ma sono state trovate soluzioni mentre i test pratici di questo sistema “hanno confermato l’operabilità dell’approccio scelto”.

Foto di pixabay.com / Articolo originale: Russia’s Avangard hypersonic missile system / Fonte: sadefenza.blogspot.ch     www.ecplanet.com

Annunci

Combattere l’ipertensione con l’aglio

AglioL’aglio (Allium Sativum) è una pianta bulbosa di origini asiatiche, che si trova nel Mediterraneo già all’epoca dell’antico Egitto, dove troviamo testimonianze nei dipinti delle piramidi.

Sembra venisse dato agli schiavi in Egitto per mantenerli in forze, buona salute e resistenti alle fatiche.

Usato in cucina e per condire, per il suo sapore pungente, l’aglio, ha grandi proprietà terapeutiche, riconosciute sia dal buon senso popolare, che dalla medicina.

Esso si coltiva dividendolo in spicchi e piantandoli con la punta rivolta verso l’alto e con lo stesso sistema si propaga in quanto ha sia fiori che semi sterili.

Molto apprezzato in cucina, viene usato in varie salse come il pesto genovese, la bagna caoda, piemontese, la salsa verde, lo tzatziki, ecc. spesso è anche solo usato per insaporire le pietanze, senza essere direttamente consumato.

Dal punto di vista medicinale, si dice l’aglio abbassi la pressione arteriosa, viene quindi suggerito a chi soffre di ipertensione.

È considerato antiossidante per il selenio contenuto; ottimo contro raffreddori, influenze e bronchiti per il suo contenuto di vitamina C; antitumorale, antitrombico, consigliato contro l’ipercolesterolemia, è antibatterico, diuretico, vermifugo, ha effetti benefici sull’osteoartrite.

Un’altra proprietà interessante dell’aglio è quella di proteggere dai metalli pesanti come, ad esempio, piombo, mercurio, cadmio, che inconsapevolmente assumiamo attraverso l’alimentazione, pesce, frutta e ortaggi contaminati o respirando in ambienti inquinati come le nostre metropoli.

I nostri organi filtro come polmoni, reni e fegato soffrono per la presenza di questi metalli nel nostro organismo, ma alcune molecole dell’aglio sanno legarsi alle molecole di questi metalli permettendone una facile espulsione.
Infine non dimentichiamone l’uso contro i vampiri……

L’antica credenza popolare, che riteneva che l’aglio li tenesse lontani, è da attribuirsi al fatto che l’aglio ha proprietà antibatteriche, come si è detto, e i vampiri allora erano considerati come parassiti!

Autrice: Serenella Speziale / Foto di pixabay.com

Passeggiare nella natura modifica i nostri ormoni e trasforma il DNA

NaturaSteve Jobs è noto per i suoi “meeting camminati” nel parco e lo stesso anche il fondatore di Facebook MarkZuckerberg. Se ci fai caso inoltre anche tu quando devi trovare una soluzione cominci a camminare avanti e dietro. Forse i ricercatori sono arrivati a dare una spiegazione.

Una passeggiata nella natura oltre a liberarci la mente e mettere in moto il corpo cambia i percorsi neuronali in modo da migliorare nettamente la nostra salute mentale. Non è un guru a dircelo ma uno studio dell’Università di Stanford.

Sicuramente camminare è utile per la perdita di peso, la prevenzione di malattie cardiovascolari ed un migliore metabolismo e temperatura corporea. In pochi sanno, però, che camminare ci rende più creativi e felici.

Purtroppo la maggior parte di noi vive in città e spende pochissimo tempo nel verde e nella natura rispetto a quanto avveniva alcune generazioni fa. Diverse ricerche(1)mostrano che chi vive nel grigio della città ha rischio maggiore di vivere disturbi psicologici ed ha un valore più alto degli ormoni dello stress.

Gregory Bratman dell’Università di Stanford in uno studio(2) precedente aveva scoperto che gli studenti che passeggiavano nel parco dell’università erano più attenti e felici di quelli che camminavano per lo stesso tempo nel traffico cittadino.

Ma lo studio non aveva analizzato l’aspetto neurologico alla base di questa netta diversità.

Bratman ha quindi fatto un’ulteriore ricerca(3) che è stata pubblicata sul National Academies of Sciencies in cui ha analizzato le persone che “rimuginano” tutto il tempo, ossessionate dal chiacchiericcio mentale e dalla lamentela su se stessi e il mondo. Il risultato è stato chiarissimo: passeggiare nella natura è così benefico perché spegne il chiacchiericcio mentale come è possibile notare dall’analisi cerebrale in cui l’area del cervello normalmente attiva nel “rimuginio” (corteccia prefrontale subgenuale) è molto meno attiva.

Insomma stare nella natura sembra farci uscire dalle storie della mente e farci ritrovare quella pace e leggerezza che hanno gli uomini che vivono a contatto con la natura. Chi ha viaggiato per il mondo sa che ci sono popolazioni povere ed arretrate che però vivendo in paradisi naturali sono sempre felici, solari e ospitali, e probabilmente non sanno neanche di essere povere o di avere dei problemi. Se non l’hai fatti ti consiglio di leggerti questo meraviglioso estratto di Eckhart Tolle “Lascia che la natura ti insegni la calma”.(4)

Ecco l’ultima ragione per cui dovresti camminare nella natura. Se non sembri essere stressato potresti avere un altro motivo per camminare: migliorare la tua creatività e trovare soluzioni geniali nelle situazioni da risolvere.

Sempre all’Università di Stanford i ricercatori(5) hanno analizzato i livelli di creatività delle persone che camminano spesso rispetto a quelle che passano la maggior parte del giorno sedute. Il risultato è stato chiaro: camminare aumenta il livello di creatività del 60%.

E la cosa interessante e sbalorditiva a detta degli studiosi, è che camminare sul tapis-roulant o all’aperto ha lo stesso effetto: raddoppia la capacità di dare risposte creative rispetto a starsene seduti.

Bisogna sapere che stress, ansia e depressione sono malattie molto diffuse e innescano nel nostro cervello un deficit nei processi cognitivi basici (memoria, comprensione e creatività). Camminando ogni giorno questi problemi miglioreranno notevolmente.

Uno dei più grandi nemici del nostro cervello è la routine.

Camminare con regolarità, tre volte al giorno per almeno 40 minuti, rinnova i percorsi neuronali e:

libera il cervello dalle preoccupazioni;

  • ci fornisce più ossigeno, facendoci sentire meglio e stimolando il lobo frontale (connesso alla creatività e allo stato d’animo);
  • libera endorfine, facendoci sentire più euforici ed ottimisti
  • sparisce il cortisolo, l’ormone dello stress
  • ci fa sentire più rilassati, entusiasti e pieni di fiducia

Camminare nella natura, in un parco o in campagna, è un atto di grande apertura, liberazione ed espansione. Non si tratta di un atto spirituale, ma di una necessità organica, sopratutto se viviamo in città.

“Studi clinici hanno dimostrato che immergersi per 2 ore al giorno nei suoni della natura riduce fino all’800% gli ormoni dello stress e attiva 500-600 segmenti di DNA, capaci di curare e riparare il corpo.”

Riferimenti:

(1) How Walking in Nature Changes the Brain

(2) The benefits of nature experience: Improved affect and cognition

(3) Nature experience reduces rumination and subgenual prefrontal cortex activation

(4) Eckhart Tolle ~ “Lascia che la natura ti insegni la calma”

(5) Stanford study finds walking improves creativity

Foto di pixabay.com / Fonte: dionidream.com / http://www.ecplanet.com