Le previsioni economiche del duo Renzi-Padoan sono smentite da Draghi

05374_renzi_padoan_draghi

Il governo ha presentato l’aggiornamento del DEF per il 2015, il quale appare più un libro dei sogni che un serio documento di pianificazione economica.

Non ci credete? Bene, vediamo qualche dato del governo e confrontiamolo con quelli che vengono dai principali istituti di ricerca.

PIL: il premier non eletto, spalleggiato dal fido ministro Padoan ha rivisto al rialzo i dati del PIL sia per il 2015 che per il 2016, portandolo rispettivamente a +0,9% (2015) e +1,6% (2016) rispetto ai precedenti +0,6% e +1,4%.

Da dove derivi questo ottimismo non è dato sapere, dato che non più tardi di un paio di settimane fa, il governatore della BCE Mario Draghi aveva parlato apertamente di rallentamento dell’economia e quindi della crescita.

Ora, come l’Italia riesca ad andare in controtendenza con il resto dell’eurozona e, più in generale, dell’economia mondiale, non è dato sapere né il duo Padoan-Renzi ha fornito spiegazioni al riguardo. Draghi non è l’unico ad aver previsto un’economia in rallentamento, con Moody’s che stima la crescita del PIL dei G20 per il 2016 in discesa dal 3,1% al 2,8% medio.

Avanzo primario: il ministro Padoan ha dato numeri da brivido per quanto riguarda l’avanzo primario, ovvero le spese dello stato al netto del pagamento degli interessi sul debito pubblico. È bene ricordare a tutti gli italiani autorazzisti che sono convinti che il nostro paese sia un mostro spendaccione che deve essere colonizzato dai “virtuosi” tedeschi, che l’italico stivale è da 20 anni a questa parte uno dei paesi in assoluto più virtuosi, con avanzi primari costanti ed elevati.

Bene: il ministro Padoan prevede un ulteriore aumento dell’avanzo primario che dovrebbe passare dall’1,7% addirittura al 4% nel 2019! Giusto per darvi un’idea, la Germania ha un avanzo primario del 2,2%, mentre la Francia segna -1,9%, USA -2% e Giappone -6,7%. Come si può arrivare ad un avanzo primario del 4%? Semplice con tagli allo stato sociale, ai servizi in genere ed un inasprimento della pressione fiscale.

Per la cronaca, non è necessario aumentare le aliquote fiscali per aumentare la pressione fiscale: basta tagliare le detrazioni e deduzioni fiscali, per farla aumentare, ed è la strada che ha deciso di intraprendere il governo del premier non eletto, nella speranza che gli italiani non se ne rendano conto.

Flessibilità UE: il duo Renzi-Padoan, tutto gongolante, ha annunciato di aver ottenuto maggiore flessibilità sui parametri UE grazie al fatto che l’italico stivale si è fatto carico di gestire la crisi (ed i relativi costi) relativa ai falsi profughi che ci stanno invadendo.

Complimentoni: sono riusciti a strappare 3,3 miliardi di flessibilità dalla UE quando l’emergenza, stando a stime ottimistiche, ne costerà quasi il doppio. Vi ricordate la barzelletta del sempliciotto cui venivano date 5.000 lire per andare a prendere le sigarette e tornava senza soldi e senza pacchetto? Ecco, direi che non siamo molto lontani da questo, con l’aggravante che i falsi profughi stanno diventando un grosso, grossissimo problema di sicurezza pubblica e lo sarà ancora di più negli anni a venire.

Privatizzazioni: ovviamente non si poteva non pensare alla vendita dell’argenteria di famiglia, che dovrebbe portare in cassa circa 14,4 miliardi di euro in due anni. Come i peggiori padri di famiglia, che anziché incidere sulle uscite (leggasi sprechi), preferiscono vendere i ricordi di famiglia fin che ce ne sono, il ministro Padoan pensa bene di vendere quote di aziende pubbliche decisamente sane, consegnandole nella maggior parte dei casi in mani straniere. Credo non serva aggiungere altro sulla miopia di questo governo.

Da questa breve e sintetica analisi dell’aggiornamento al DEF 2015, appare chiaro come ancora una volta questo governo si dimostri totalmente disancorato dalla realtà e citi numeri sostanzialmente a caso.

Parliamoci chiaro: un avanzo primario del 4% è qualcosa di abnorme, che può essere perseguito solo con politiche di folle austerità, che andrebbero necessariamente ad incidere ancor di più sul tenore di vita dei cittadini, sulla loro salute e la loro sicurezza.

Del pari, ipotizzare un pil in ulteriore aumento rispetto alle stime precedenti quando i principali attori economici stimano l’esatto opposto appare come mero esercizio per indorare la pillola agli italiani del taglio alla sanità appena attuato.

Il guaio è che per un paese come l’Italia, non servono annunci sensazionalistici, serve un governo serio, preparato, capace di affrontare questo disastro con idee chiare e concrete. L’esatto opposto di questo esecutivo sempre più simile ai personaggi del film “L’armata Brancaleone”.

Fonti:http://www.lettera43.it/economia/economiaweb/pil-g20-moody-s-taglia-le-stime-del-2016_43675203551.htm
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Draghi-economia-rallenta-meno-crescita-inflazione-bassa-quantitative-easing-b324ee9b-8c1c-4630-9125-0eb5aa454edb.html?refresh_ce
http://mobile.ilsole24ore.com/solemobile/main/art/notizie/2015-09-19/ecco-nota-aggiornamento-def-tutte-cifre-141532.shtml?uuid=AC7jFv0&refresh_ce=1
http://www.ansa.it/sito/notizie/economia/2014/11/18/-tesoroitalia-tra-primi-per-avanzo-primario-da-20-anni-_b978bbb1-1622-4e7e-b8c0-66e6c84c9899.html

I benefici dell’olio di cocco

l-olio-di-cocco-95662

Naturale, nutriente, sano in cucina e per il corpo

Descrizione di L’Olio di Cocco – Libro

Il cocco, d’estate, è fresco e delizioso. L’olio che se ne ricava conserva intatte le sue proprietà e tutto il suo sapore, si conserva facilmente e sa stupire per la molteplicità dei suoi utilizzi.

Non solo cocco: il discorso parte da un ragionamento scientifico sui grassi e gli olii, per capire quali sono più indicati per le diverse preparazioni. Inutile dire che per le autrici, dopo aver scoperto le virtù di quello di cocco, non ci sono stati più dubbi. Resiste alle cotture ad alta temperatura, sprigiona aromi straordinari e in più fa benissimo.

Molto digeribile, si presta a svariate preparazioni, dai dolci alle creme alle insalate più sfiziose. Usato per la cura del corpo dona lucentezza e vigore alla pelle e ai capelli.

Lasciatevi ispirare dalle oltre 30 ricette suggerite nella sezione «gastronomica», e dai trucchi per preparare oli e creme fatti in casa!

In fondo al volume sono riportati consigli e risposte ai dubbi più frequenti, tra i quali quello fondamentale: «Adesso che ho un cocco, come lo apro?».

Dalla Quarta di Copertina

I benefici del consumo quotidiano dell’olio di cocco sono numerosi e importanti ma, spesso, poco conosciuti.

Oltre a essere un grasso vegetale buono e resistente alle alte temperature (lo si può impiegare anche per friggere e in tante ricette sane e gustose, illustrate in fondo al volume), l’olio di cocco possiede parecchie qualità: è digeribile anche da chi ha problemi di stomaco, aiuta a tenere sotto controllo il peso, non aumenta il colesterolo, migliora il metabolismo, previene le malattie del cuore, combatte le infezioni virali e batteriche, riduce l’acne, contribuisce a rimarginare le ferite, dona vigore e lucentezza alla pelle e ai capelli, e l’elenco potrebbe continuare.

Se siete curiosi di scoprire i mille usi di questo alimento naturale ed economico, di facile reperibilità e utilizzo, in questo libro troverete tutto ciò che vi serve: dalle indicazioni utili per acquistare noci di cocco fresche e olio di prima qualità, fino ai consigli su come adoperarlo nelle diverse occasioni.

Indice

Introduzione

La chimica dei grassi
Il ruolo dei grassi nel corpo
Benefici nutrizionali dell’olio di cocco
Proprietà antimicrobiche dell’olio di cocco
Consigli di bellezza
Informazioni e consigli pratici

30 RICETTE

Colazione e dolci
Zuppe e insalate
Primi e secondi
Cereali e contorni
Dessert
Bevande

FONTE http://www.ecplanet.com

La chiesa cattolica è la prima multinazionale ECONOMICO-FINANZIARIA del mondo

05357_chiesa_cattolica

Duemila miliardi di dollari: questo è il valore solo del patrimonio immobiliare della Chiesa Cattolica in tutto il mondo.

Poi ci sono le riserve di oro (c’è chi parla di oltre 60.000 tonnellate in depositi situati in varie parti del mondo) e, non ultimo lo IOR, la famigerata Banca Vaticana. Inoltre le riserve finanziarie del Vaticano sono composte anche da azioni ed obbligazioni di società di tutto il mondo, con la partecipazione alle attività economiche più svariate, industriali, agricole e del terziario.

In particolare l’APSA (Amministrazione Patrimonio Sede Apostolica), che, almeno in teoria, dovrebbe gestire solo il mantenimento della Curia Romana, ha mediamente disponibile una liquidità immediata di circa un miliardo di euro, oltre ad azioni, oro ed obbligazioni varie.

Incalcolabile poi il valore delle opere d’arte custodite in chiese, cappelle, conventi e monasteri.

Ma poi c’è un universo di ordini religiosi, confraternite, congregazioni, fondazioni, enti morali che possiedono imperi economici sparsi in tutto il mondo, il cui immenso valore nessuno è in grado di valutare.

Solo come esempio, il patrimonio di Propaganda Fide (il ministero delle missioni) è stimato in 10 miliardi di euro.

Il patrimonio immobiliare della Chiesa Cattolica è costituito da interi fabbricati, singoli appartamenti, terreni, scuole private ed università a pagamento, alberghi, case di accoglienza per pellegrini a pagamento, musei con ingresso a pagamento, negozi, supermercati, centri commerciali, case di riposo a pagamento, ospedali etc ….

Solo in Italia, circa il 22% del patrimonio immobiliare è di proprietà della Chiesa Cattolica !

Innumerevoli poi sono le società finanziarie e commerciali controllate soprattutto da ordini religiosi e fondazioni cattoliche.

A questo patrimonio vanno poi aggiunti ovviamente chiese, cattedrali, conventi, monasteri, case generalizie, missioni e seminari che però non danno reddito.

E ancora ci sono le donazioni, alcune anche molto consistenti, le offerte ed elemosine che i fedeli danno in tutto il mondo nelle chiese e, non ultime, le “offerte” richieste per messe di suffragio, cerimonie funebri, cerimonie nuziali etc …. i cui proventi in tutto il mondo sono tutt’altro che da sottovalutare.

In alcuni santuari famosi, le cassette dell’elemosina si trovano perfino nei bagni ….

Nel caso particolare dell’Italia, non si può poi trascurare che la Chiesa Cattolica incassa circa un miliardo e duecento milioni di euro all’anno grazie all’otto per mille dell’IRPEF. Istituzioni simili al nostro otto per mille esistono anche in Spagna ed in qualche altro paese nel mondo.

Un altro grande affare per la Chiesa sono le migliaia di istituzioni disseminate in tutto il mondo che affittano camere per il cosiddetto “turismo religioso” nei più famosi luoghi di pellegrinaggio. Queste “case di accoglienza” fatturano circa 4 miliardi di euro all’anno.

Un discorso particolare merita infine lo IOR, la Banca Vaticana, che gestisce un patrimonio di circa sei miliardi di euro, implicato in decine di casi di riciclaggio di denaro sporco, scandali finanziari, episodi oscuri e perfino omicidi.

Ricordiamo soltanto lo scandalo del Banco Ambrosiano al quale sono collegate le misteriose morti del finanziere Roberto Calvi e della sua segretaria, la scoperta dei fondi neri amministrati dall’arcivescovo Marcinkus, i rapporti col finanziere Sindona, strettamente legato ad ambienti della mafia siciliana, anch’egli morto misteriosamente, l’omicidio del finanziere Giorgio Ambrosoli, lo scandalo Enimont all’epoca di tangentopoli, lo scandalo “calciopoli” nel quale si è appurato che i fondi neri della Gea World di Alessandro Moggi erano depositati presso lo I.O.R., lo scandalo “grandi opere” nel quale si è appurato che Angelo Balducci avesse i suoi fondi neri depositati presso lo I.O.R, i rapporti non chiari dello I.O.R. con decine di Banche Italiane.

Chiudiamo con un passo del Vangelo:

“Gesù entrò poi nel tempio e scacciò tutti quelli che vi trovò a comprare e a vendere; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe e disse loro: La Scrittura dice: la mia casa sarà chiamata casa di preghiera ma voi ne fate una spelonca di ladri” ( Vangelo di Matteo 21,12-13)

Fonte: giuseppemerlino.wordpress.com   www.ecplanet.com