L’isolamento della Russia è un errore fatale, avverte Kissinger

Putin e KissingerMosca è “importante per la pace nel mondo” e per affrontare questioni “gravi” come il terrorismo islamico, la proliferazione delle armi di distruzione di massa…

L’ex segretario di Stato Usa, Henry Kissinger, lancia un avvertimento all’Occidente, invitandolo a non alimentare troppo la tensione che si è creata con Mosca, a causa del conflitto in Ucraina.

Lo ha fatto rilasciando un’intervista al Corriere della Sera da Berlino, dove ha consegnato al presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano il Premio dell’American Academy che porta il suo nome.

La Rssia è “importante per la pace nel mondo” e per affrontare questioni “gravi” come “le crisi regionali, il terrorismo islamico, la proliferazione delle armi di distruzione di massa, il clima, la sicurezza alimentare”.

Il dialogo tra Stati uniti e Russia è “fondamentale” e “importante per gli equilibri del mondo” e per questo va non solo “perseguito” ma “esteso”.

“L’errore fatale è pensare di poter tirare l’Ucraina dall’una o dall’altra parte, mentre il suo ruolo può essere solo quello di ponte tra Europa e Russia”.

Fonte: wallstreetitalia.com      www.ecplanet.com

Annunci

Default: Parlano tutti della Grecia ma l’Ucraina è messa peggio

Default UgrainaUn delicatissimo braccio di ferro tra creditori privati e governo ucraino fa balenare lo spettro di un imminente default, dalle conseguenze imprevedibili per l’ex Paese sovietico, in difficoltà da anni e ulteriormente devastato nella sua economia dal conflitto nel Sud-est contro i separatisti.

I principali detentori privati del debito dell’Ucraina lamentano l’estrema lentezza dei negoziati con l’esecutivo, che punta a ottenere uno “sconto” di 15,3 miliardi di dollari su quattro anni. In pratica, Kiev chiede una ristrutturazione del debito con una forte svalutazione del valore di rimborso di quanto dovuto ai grandi investitori privati in titoli ucraini.

Ma le trattative si sono prolungate, senza dare per ora frutti concreti e svariati investitori della cordata d guidata da Franklin Templeton chiedono di stringere, sostenendo che la Banca centrale Ucraina in realtà i fondi necessari ce li ha.

Oggi sulla vicenda è sceso in campo anche il Financial Times, chiedendo in un editoriale ai creditori privati di fare la loro parte per “condividere le sofferenze” dell’Ucraina, che “sta lottando per la sua sopravvivenza come Stato indipendente”.

Il governo ucraino “non può permettersi di spendere circa il 5% del suo pil per pagare interessi sul debito”, si allarma il Ft, esortando i colossi della finanza a cedere allo sconto: “hanno l’obbligo morale di farlo”.

Un comitato che raggruppa i quattro principali creditori privati ha messo ieri nero su bianco la propria linea. “Il ministro Jaresko è da oltre un mese in possesso di una soluzione proposta dal Comitato per i Titoli e in ottemperanza con le richieste del Fondo Monetario”, si legge nella nota, “siamo molto preoccupati dalla posizione che sta assumendo il ministro, che non è nell’interesse del Paese. Noi siamo disposti e pronti ad avviare trattative in qualsiasi momento”.

Il ministro delle Finanze ucraino, Natalie Jaresko, da mesi batte sul tasto del debito, delle riserve valutarie troppo ridotte per discutere i finanziamenti internazionali necessari a evitare il default e della necessità di una ristrutturazione del debito sovrano, pena la sospensione dei rimborsi. Argomenti che non piacciono ai creditori, ma la Jaresko (americana naturalizzata ucraina) replica che senza la ristrutturazione rischierebbero perdite ben maggiori.

Parallelamente, c’è il capitolo russo del debito ucraino e Mosca ha già messo in chiaro di non avere nessuna intenzione di rivedere le condizioni di rimborso di tre miliardi di dollari, prestito che prevede il pagamento di interessi per 75 milioni di dollari entro il 20 giugno. In caso di mancato saldo, la Russia intende chiedere alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia di dichiarare l’Ucraina in default.

Jaresko e il premier Arseniy Yatsenyuk sono a Washington per colloqui sul pacchetto di aiuti da 17,8 miliardi di dollari assegnato lo scorso anno. Sul piatto, c’è una tranche da 1,7 miliardi di dollari attesa per luglio 2015, che in teoria dovrebbe essere emessa solo dopo un accordo con i creditori. Ma data la situazione, l’Fmi ha segnalato la possibilità di dividere i due dossier: “abbiamo una policy di prestito che ci permette di continuare a prestare a uno stato membro anche in caso di arretrati con i creditori privati”, ha detto il primo vice direttore del Fondo David Lipton.

Ma l’Fmi evita accuratamente di dire he questa “policy” varrebbe per l’Ucraina ma assolutamente non può valere per la Grecia. Questo perché – ovviamente – il salvataggio o meno di uno stato in difficoltà ha a che fare unicamente con la geopolitica dettata all’Fmi dalla Casa Bianca.

E Obama ha deciso di distruggere la Grecia, amica della Russia, e di salvare l’Ucraina golpista, dato che il golpe l’ha organizzato la Cia su mandato della Casa Bianca. Per essere chiari.

Fonte: ilnord.it  www.ecplanet.com

In Austria si voterà per uscire dall’Euro e dall’Unione Europea

In Austria si voterà per uscire dall'Euro e dall'Unione EuropeaNell’assoluto silenzio mediatico l’Austria muove passi giganti verso una consultazione per l’uscita non dall’euro, ma dall’Unione europea.

Nei primi mesi del 2015 una petizione popolare (Volksbegehren) ha superato il vaglio della Corte costituzionale e del Ministero dell’Interno con il risultato che dal 24 giugno al primo luglio gli austriaci potranno esprimere con una firma presso il proprio Comune la volontà di uscire dalla Unione Europea.

Questo particolare strumento di democrazia diretta prevede che nel caso di superamento di almeno 100.000 adesioni il Parlamento sia vincolato a discutere un testo di legge con priorità assoluta che accolga le richieste della petizione, oppure a indire un referendum sul tema, il cui esito sarebbe vincolante per il Legislatore.

Il testo dei promotori del Volksbegehren anti Ue si fonda su pilastri economici specifici: infatti, l’uscita dall’Unione permetterà all’Austria di non aderire agli accordi transatlantici di libero scambio tra Ue, Usa e Canada; di recuperare parte dei miliardi di euro versati da vent’anni alle casse di Bruxelles per la “promozione Ue” senza aver alcun potere di codecisione nella destinazione dei medesimi fondi a fronte di diminuzioni di prestazioni sociali e infrastrutture pubbliche a favore dei cittadini austriaci; di risparmiare i versamenti a favore dei «fondi di salvataggio per l’euro»; di risparmiare le obbligazioni di deposito per miliardi di euro a favore del «Meccanismo europeo di stabilità finanziaria»; di reintrodurre sovranità e politica monetaria proprie.

Il rischio è che Vienna condivida le istanze di Atene, ovvero che ricchi asburgici e poveri ellenici concordino nel ritenere l’Unione un cappio al collo, una costrizione politica e monetaria, un superstato costruito a misura di Germania sotto la vigilanza di Washington non più tollerabile.

Chi non proferisce parola è l’Italia sempre prona nel recepire qualsiasi ingerenza di Bruxelles senza nemmeno discutere il contenuto di raccomandazioni o direttive talvolta assurde. L’Ue decide di stabilizzare i precari della scuola italiana? Il diktat ridicolo assume rango di Vangelo senza che nessuna parte politica batta ciglio. Perché la scuola sì e qualsiasi azienda altra privata no? Silenzio. Ordine di Bruxelles.

Mentre noi, privati di qualsiasi strumento costituzionale di democrazia diretta, blateriamo e mugugniamo, gli austriaci rivendicano la loro sovranità esclusiva mediante l’iniziativa popolare riconosciutagli dalla Costituzione unitamente al segreto bancario. A giugno il popolo austriaco forte della propria storia, della propria fierezza e soprattutto della propria Costituzione esprimerà in modo vincolante per il Parlamento la propria adesione o meno all’Ue.

Fonte: nuovoilluminismo.com  www.ecplanet.com